venerdì 12 ottobre 2007

Se guardiamo ai luoghi comuni.. meglio sardo che tedesco

Mi ha colpito la stravagante sentenza di un giudice tedesco che ha ridotto di due anni la pena di uno stupratore "perchè sardo". Secondo questo luminare del diritto, infatti, bisognava tenere conto delle "impronte culturali ed etniche dell'imputato".. come dire che in Sardegna è cosa usuale stuprare la propria ragazza. Ci mancava solo che dicesse che siamo soliti dargli un colpo di clava in testa e trascinarla nella grotta per i capelli..

Se dobbiamo guardare ai luoghi comuni, la risposta a questo personaggio è fin troppo semplice: concediamo anche a lui le attenuanti per questa sentenza razzista.. bisogna tenere conto delle impronte culturali ed etniche.. come dire che il nazismo non è nato in Sardegna.

Per vedere la notizia: http://lanuovasardegna.repubblica.it


1 commento:

kemit ha detto...

incisivo come al solito. :-) chissà se il giudice in questione ci ha pensato, mentre la vicenda si è dissolta in meno di una giornata