sabato 20 ottobre 2007

Nuovo governo nuove censure

Ormai siamo abituati alla disillusione: tanto più si era sperato in un cambiamento con la fine dell'era Berlusconi, tanto più ci si rende conto ora dell'amara realtà.. Berlusconi non era che la parte più evidente del problema.. il problema vero è il sistema che ha permesso a Berlusconi di andare al governo. E quel sistema è più forte che mai. Il potere ha solo cambiato nome e faccia, ma continua a perseguire lo stesso obiettivo, con Berlusconi o con Prodi, con la destra o con la sinistra che sono ormai come due squadre di calcio che fingono di essere una contro l'altra per appagare i tifosi, ma in realtà sono interessate entrambe solo a che i tifosi paghino i biglietti.

Solo in quest'ottica si può capire come questo governo non abbia cancellato nulla degli abomini di Berlusconi e, anzi, ne abbia aggiunti di nuovi tradendo la fiducia di quelli che l'anno votato, per fare gli interessi di chi comanda veramente.

Ora si sono accaniti anche contro l'ultima oasi di libertà che era rimasta.. internet. Invece di risolvere il conflitto di interessi, invece di liberare la RAI dai partiti, invece di reintegrare tutti gli epurati vanno esattamente dalla parte opposta.. si occupano di controllare chi fa informazione su internet definendo, tra l'altro, come "informazione" praticamente qualsiasi cosa. Vanno contro i blogger, contro i siti di informazione libera che dovranno iscriversi ad un registro, pagare il bollo e fare mille altre scartoffie con il solo scopo di scoraggiarne la proliferazione e di controllare chi scrive cosa in modo da imporre anche su internet lo stesso bavaglio che c'è sulla televisione.

Beppe Grillo dice che non hanno capito niente di internet, ora se non altro si sono accorti che esiste e del potere che ha.. probabilmente per questo corrono ai ripari. Ma non hanno realmente capito niente.. questi ridicoli omuncoli con la loro illusione di potere, senza essere stati eletti da nessuno, non capiscono che la democrazia è un compromesso. Il miglior compromesso, nato dopo tanti tumulti, per evitare cose peggiori. E se il compromesso salta ovviamente le cose peggiori riappariranno.

Dal blog di Beppe Grillo: http://www.beppegrillo.it/2007/10/la_legge_levipr/

Testo del DDL (Dal blog di Antonio Di Pietro): http://www.antoniodipietro.com/DDL_editoria_030807.pdf


Nessun commento: